IL CARTONGESSO E IL CAMINO

Si può far ricorso al cartongesso per la realizzazione di un camino: una delle caratteristiche del cartongesso è quella di essere ignifugo.

Leggero, maneggiabile, economico: il cartongesso è anche resistente al fuoco e alle alte temperature: si presta a rivestire cappe e camini.

Occorre avere una forte esperienza nell’uso del cartongesso per allestire un camino con il cartongesso: buona manualità e approfondita conoscenza del materiale.

Servono le lastre di cartongesso dallo spessore di un centimetro, i supporti metallici, la pittura o il rivestimento, lo stucco, la lana di roccia o di vetro per l’isolamento.

Si inizia  con l’isolamento termico, inserendo il materiale termoisolante (lana di roccia o materiali sintetici) tra la lastra e la struttura prefabbricata che conterrà il camino.

Poi si passa all’innesto dei supporti metallici che vanno uniti al cartongesso.

Infine si effettua la stuccatura e la rifinitura, per dare all’insieme la forma definitiva.

In questo momento si può dare un tocco di personalità al camino, a cui è possibile abbinare una cornice o una copertura diversa: per esempio mattoni, acciaio, legno, marmo, pietra , in relazione  alle caratteristiche dell’ambiente circostante.

Altrimenti si può lasciare la facciata liscia oppure semplicemente dipingerla con lo stesso colore dei muri.